Tofu in umeboshi

F. ed io abbiamo trascorso le vacanze natalizie in Sicilia dai miei. Siamo appena rientrati e oggi ho tante novità culinarie da condividere. Cominciamo in ordine sparso. Ecco il mio tofu in umeboshi, una ricetta ispirata da una cena prenatalizia in Osteria al 55 un ristorante di Milano, che si trova al civico 55 di via Messina. La sera la cucina è nella mani di Michele Maino, ottimo chef vegetariano, che ci ha deliziato con ingredienti interessanti, accostamenti e plating perfetti. Ispirandomi al secondo di quella sera, ho preparato questo piatto speciale.
tofu in umeboshi
Ingredienti per due persone:
sesamo nero qb
acidulato di umeboshi qb
2 panetti di tofu bio
shoyu qb
1/2 c succo di zenzero

Procedimento:
Affettate il tofu per il lungo ricavando due filetti sottili da ogni panetto. Metteteli a marinare in  una soluzione di shoyu, acidulato di umeboshi e zenzero. Per non sprecare l’acidulato, o non usarne più del dovuto, ho coperto i filetti solo fino a metà e li ho rigirati dopo circa 6 ore. Dopo altre tre erano pronti: bruni e profumati. Passateli nel sesamo nero e poi fateli scaldare in una padella coi bordi spessi, senza aggiungere grassi. Li ho serviti con carote “temperate” – sì, il temperino per carote esiste, ed è il mio nuovo giocattolo preferito 😉 –  e una manciata di fagioli rossi tritati. Di contorno c’erano anche nidi di verza cruda ripieni di una dadolata di zucca al rosmarino. La zucca dolce – ho usato una butternut – si  sposava a meraviglia con la nota amarognola del tofu marinato così. Ecco una foto dei nidi.
nidi di verza

Annunci